Home Impianti Termici Pillole Regionali. Regione Puglia. Decessi per legionella, sequestrati due padiglioni del Policlinico...

Pillole Regionali. Regione Puglia. Decessi per legionella, sequestrati due padiglioni del Policlinico di Bari

78
0

Casi di legionella al Policlinico di Bari, inchiesta della Procura: sequestrati i padiglioni Asclepios e Chini

Sigilli dei Nas ai padiglioni Chini e Asclepios (concessa la facoltà d’uso): l’inchiesta relativa al decesso di quattro pazienti, tra il 2018 e il 2020. Indagati cinque dirigenti, tra cui il dg Giovanni Migliore

Due padiglioni del Policlinico di Bari sono stati sequestrati questa mattina, con facoltà d’uso, dai carabinieri dei Nas, perché “infetti da batteri di legionella”. La notizia è riportata dall’Ansa, che spiega come il provvedimento di sequestro preventivo sia stato disposto dalla Procura nell’ambito di un’indagine sulla morte di quattro pazienti – deceduti tra il 2018 e il 2020 – che sarebbe avvenuta dopo aver contratto il batterio. Le strutture sequestrate sono i padiglioni Chini e Asclepios.

Nell’inchiesta – riporta sempre Ansa – sono indagati cinque dirigenti del Policlinico, tra cui il direttore generale Giovanni Migliore, per  i reati di omissione di atti d’ufficio e morte come conseguenza di altro delitto. In particolare, secondo l’inchiesta, dopo il primo decesso causato da una infezione da legionellosi nel giugno 2018, i dirigenti del Policlinico non avrebbero adottato “alcuna misura di controllo e bonifica per l’eliminazione del batterio, la cui presenza era stata accertata”, già all’epoca, “nell’acqua prelevata dai rubinetti del reparto di Medicina interna Frugoni”, nel padiglione Chini dove il paziente era stato ricoverato dal 5 al 15 maggio 2018.

Continua a leggere

Fonte: Bari Today

 
Previous articleDomanda Tecnica: Ogni monosplit deve avere la propria targa e il proprio libretto?
Next articleQuesito Tecnico: tubazione multistrato gas all’esterno dell’edificio…

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.