Home > Impianti Termici > Stop alle ispezioni sugli impianti termici? Gli installatori di Cna dicono no

Stop alle ispezioni sugli impianti termici? Gli installatori di Cna dicono no

Stop alle ispezioni sugli impianti termici? Per Cna Installazione Impianti sarebbe una scelta incomprensibile: “È interessante sapere a chi possa giovare, quanto contenuto nello schema di decreto legislativo, esaminato recentemente dal Consiglio dei Ministri e recante attuazione della direttiva (UE) 2018/844, in cui ci si allinea acriticamente a quanto previsto dalla Direttiva Europea non prevedendo ispezioni sugli impianti con potenza inferiore ai 70 kW”.

In sostanza, le ispezioni sarebbero semplicemente sostituite dal rapporto di efficienza energetica inviato dal manutentore, per “semplificare” l’attività di ispezione degli impianti di piccola taglia. “È una vera e propria follia – commenta Guido Pesaro, Responsabile CNA Installazione Impianti – considerando che il 95% degli impianti in funzione ha una potenza termica inferiore ai 50 kW. E senza ispezioni è facile prevedere che i cittadini siano palesemente disincentivati a far controllare i propri impianti. È questo che si intende quando si parla di favorire l’efficienza energetica e la sicurezza degli impianti? Sarebbe interessante conoscere il parere dei Vigili del Fuoco”.

I requisiti degli operatori

Ma le critiche degli installatori della CNA non si fermano qui. “Come se non bastassero gli obblighi formativi e gli adempimenti già presenti nella nostra legislazione che coinvolgono gli installatori (qualificazione FER, certificazione f-gas, etc.) si prevede di stabilire, con decreto del MISE, i requisiti degli operatori che provvedono all’installazione dei sistemi tecnici per l’edilizia, considerando con questo termine “l’apparecchiatura tecnica di un edificio o di un’unità immobiliare per il riscaldamento o il raffrescamento di ambienti, la ventilazione, la produzione di acqua calda per uso domestico, l’illuminazione integrata, l’automazione e il controllo, la produzione di energia in loco o una combinazione degli stessi, compresi i sistemi che sfruttano energie da fonti rinnovabili”.

In pratica – prosegue Pesaro – lo stesso Ministero che ha emanato il DM 37/08 che definisce i requisiti tecnico-professionali che devono avere i Responsabili Tecnici delle imprese installatrici dovrebbe emanare un decreto che… continua a leggere

Fonte: Quotidiano del Condominio

Potrebbe piacerti anche
Sondaggio online di CNA: l’impatto Covid-19 sulle aziende impiantistiche
Impianti termici, consegna rapporti tecnici posticipata in Molise
Antincendio, dal 21 dicembre operative le nuove norme per impianti termici
Chi deve redigere la denuncia INAIL (ex ISPESL), l’installatore o il professionista?

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.