Home > Impianti Termici > Amianto, come fare per smaltirlo

Amianto, come fare per smaltirlo

In pochi forse sanno che il 28 aprile è la giornata mondiale delle vittime dell’amianto, in cui si ricordano le persone decedute a causa dell’esposizione a questa fibra nociva e si ribadisce l’urgenza e la necessità di un’azione concreta di bonifica e risanamento, considerando che in Italia sono presenti circa 32 milioni le tonnellate di amianto, secondo quanto emerso dagli studi del CNR-Inail.

  • Amianto: caratteristiche e campi di utilizzo

L’amianto è un minerale a struttura fibrosa, appartenente alla classe dei silicati, ed essendo presente in natura si ottiene in seguito all’estrazione da cave o miniere. Chiamato anche asbesto, che significa perpetuo, ha una composizione chimica variabile ed è costituito da fasci di fibre molto sottili che col tempo tendono a sfaldarsi.

Tante sono le caratteristiche e le qualità dell’amianto che lo hanno reso uno dei materiali più utilizzati nell’edilizia.

resistenza meccanica così elevata che sostituì l’acciaio nelle applicazioni con il cemento.

alta flessibilità, elasticità e filabilità

proprietà fonoassorbenti

resistenza agli agenti chimici e agli agenti biologici

proprietà termoisolanti, che lo rendono particolarmente resistente al fuoco

resistenza all’abrasione e all’usura

– costo molto basso

Continua a leggere cliccando qui

 

Fonte: Il corriere della città

Potrebbe piacerti anche
Amianto, come fare per smaltirlo
Giornata mondiale delle vittime dell’amianto: l’Italia è uno dei Paesi più colpiti dalle malattie correlate alla fibra
Benefici previdenziali derivanti dall’esposizione all’amianto previsti per i lavoratori estesi fino al 2020
Toscana: linee guida sull’amianto

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.