Home > Impianti Termici > Incendio in un edificio, di chi è la responsabilità dei danni?

Incendio in un edificio, di chi è la responsabilità dei danni?

In caso di incendio durante dei lavori, chi risponde dei danni causati all’edificio? Il proprietario dell’immobile in cui si stavano eseguendo i lavori o l’amministratore? E perché?

A questi interrogativi ha dato risposta la Cassazione con la sentenza 22163/2019.

Incendio durante i lavori, il caso

Nel caso esaminato, il gestore di un capannone industriale di proprietà dell’Inpdap (oggi Inps)  aveva commissionato dei lavori di impermeabilizzazione della copertura per l’eliminazione di infiltrazioni.

Come si legge nella ricostruzione dei fatti, il dipendente dell’impresa appaltatrice aveva mantenuto una “condotta inadeguata e gravemente inadempiente”, con “maldestro uso di una fiamma ossidrica”, cui conseguì “l’accensione del plexiglas di cui erano costruiti i lucernari con conseguente propagazione dell’incendio all’intera struttura”.

Uno dei danneggiati aveva presentato domanda di risarcimento contro il gestore dell’edificio, ma questi sosteneva invece che la responsabilità fosse del proprietario.

continua a leggere

fonte EDILPORTALE

Potrebbe piacerti anche
Incendio in un edificio, di chi è la responsabilità dei danni?
Errori di progetto: chi è responsabile, progettista, installatore o….
Incendio causato dalla canna fumaria. I danni li paga il proprietario
Il Certificato di idoneità statica

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.