Home Pillole Regionali Friuli Venezia Giulia. La Regione paga la metà della messa a norma...

Friuli Venezia Giulia. La Regione paga la metà della messa a norma degli impianti tecnologici

10
0

Il provvedimento prevede contributi anche per interventi finalizzati al conseguimento di risparmio energetico. A disposizione ci sono 4,3 milioni di euro

È stato pubblicato sul Bollettino ufficiale della Regione (BUR n.26 del 1 luglio 2015) il bando per la concessione di finanziamenti in conto capitale per la realizzazione di interventi di manutenzione straordinaria finalizzati alla messa a norma di impianti tecnologici o al conseguimento del risparmio energetico relativi alla prima casa. Il bando prevede la possibilità di concedere contributi nella misura del 50% della spesa ritenuta ammissibile e fino ad un massimo di 10 mila euro.
«Per questo bando abbiamo messo a disposizione una dotazione  finanziaria di 4,3 milioni di euro – ha spiegato l’assessore regionale all’Edilizia, Mariagrazia Santoro – confermando come anche questa misura rientri nel piano più vasto di recupero e miglioramento del patrimonio residenziale esistente, oltre che rappresentare un segnale di fiducia per le imprese che indirettamente beneficeranno di questa nuova apertura agli investimenti sulla casa».

Chi può fare domanda
Possono presentare domanda di contributo i soggetti privati proprietari o comproprietari di immobili nei quali abbiano la residenza anagrafica al momento della domanda e la conservino fino all’erogazione del contributo. Tra le novità del bando vi è la possibilità di includere nel finanziamento anche interventi di domotica finalizzati al risparmio energetico, quali sistemi di automazione e controllo del riscaldamento negli edifici residenziali.
Gli interventi finanziabili sono: messa a norma di impianti di utilizzazione dell’energia elettrica; realizzazione di impianti domotici finalizzati all’ottimizzazione dei consumi energetici; installazione di impianti solari termici; installazione di impianti solari fotovoltaici con eventuale sistema di accumulo a energia solare o installazione di accumulatore a energia solare nel caso di impianti esistenti; installazione di impianti geotermici; installazione di caldaie finalizzate al riscaldamento dell’abitazione e relativo eventuale adeguamento dell’impianto; realizzazione dell’isolamento termico, relativamente al solaio di copertura o del sottotetto; realizzazione dell’isolamento dell’involucro edilizio relativamente alle pareti esterne verticali; sostituzione di serramenti.

C’è tempo fino a metà settembre
La domanda di contributo deve pervenire entro settanta giorni dalla pubblicazione del bando sul Bollettino Ufficiale della Regione, compilando l’apposito modello, disponibile anche sul sito regionale, e inviandolo per posta raccomandata o via PEC all’indirizzo territorio@certregione.fvg.it.

 

fonte: Diario di Trieste

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.