Home Pillole Regionali Pillole Regionali. Regione Abruzzo. Disposizioni regionali in materia di esercizio, conduzione, controllo,...

Pillole Regionali. Regione Abruzzo. Disposizioni regionali in materia di esercizio, conduzione, controllo, manutenzione ed ispezione degli impianti termici

70
0

«Si tratta di una legge – ha commentato il consigliere Pietrucci – che e’ stata sollecitata dai cittadini e, soprattutto, dalle associazioni di categoria di produttori e manutentori di impianti termici. Una legge che recepisce e attiva le direttive comunitarie e la legislazione nazionale non solo nell’esercizio del controllo degli impianti termici ma anche sul tema di riduzione e consumi energetici».

Ecco un estratto:

Art. 2

(Regime di esercizio e manutenzione degli impianti termici)
1. Ai fini di cui all’art. 1 ed in coerenza con quanto previsto dal Decreto del Presidente della Repubblica 16 aprile 2013, n. 74 (Regolamento recante definizione dei criteri generali in materia di esercizio, conduzione, controllo, manutenzione e ispezione degli impianti termici per la climatizzazione invernale ed estiva degli edifici e per la preparazione dell’acqua calda per usi igienici sanitari, a norma dell’articolo 4, comma 1, lettere a) e c), del D.Lgs.19 agosto 2005, n. 192), con Regolamento regionale, approvato dal Consiglio regionale su proposta della Giunta regionale, tenendo conto delle peculiarità del territorio, del parco edilizio e impiantistico esistente, delle valutazioni tecnico economiche concernenti i costi di costruzione e di gestione degli edifici, delle specificità ambientali, del contesto socio economico e di un corretto rapporto costi benefici per i cittadini, la Regione provvede a:
a) definire l’ambito di intervento, nonché fissare i termini e le definizioni connessi all’esercizio, conduzione, controllo, manutenzione e ispezione degli impianti termici;
b) individuare le modalità più opportune per garantire il corretto esercizio degli impianti termici e più efficaci per lo svolgimento delle previste attività di controllo, accertamento e ispezione, provvedendo in particolare a:
1) stabilire il campo delle potenze degli impianti su cui eseguire gli interventi di controllo e le ispezioni, con particolare attenzione agli impianti a combustibile solido;
2) fissare requisiti minimi di efficienza energetica degli impianti termici;
3) stabilire gli obblighi a carico di proprietari, utenti, responsabili di impianto, in genere, ed imprese di manutenzione, finalizzati al corretto esercizio, conduzione, controllo, manutenzione e ispezione degli impianti termici;
4) definire criteri generali, requisiti e soggetti responsabili per l’esercizio, la conduzione, il controllo e la manutenzione degli impianti termici;
5) definire le competenze e le responsabilità del responsabile dell’impianto, o del terzo da questi eventualmente designato, ivi compresi i limiti per il ricorso alla delega e le condizioni necessarie per l’assunzione della funzione;
6) definire le modalità per garantire il corretto esercizio degli impianti termici, ivi compresa la loro periodica manutenzione e
controllo, nonché il loro controllo di efficienza energetica;
7) definire le attività di accertamento ed ispezione, finalizzate a garantire l’adeguata efficienza energetica degli impianti termici e la riduzione delle emissioni inquinanti;
c) definire i requisiti degli organismi e dei soggetti cui affidare le attività di ispezione sugli impianti termici;
d) definire i valori massimi della temperatura ambiente, i limiti di esercizio degli impianti termici, ivi compresi i periodi di attivazione ed i valori di riferimento della temperatura dei locali climatizzati, e le facoltà delle Amministrazioni comunali in merito ai limiti di esercizio degli impianti termici;
e) definire i requisiti ed i livelli minimi di efficienza energetica degli impianti termici, con riferimento alle diverse tecnologie di generazione ed al periodo di installazione;
f) stabilire le modalità attraverso le quali le aziende di distribuzione dell’energia ed i distributori di combustibile per gli impianti termici degli edifici comunicano alle autorità competenti di cui all’art. 6, entro il 31 marzo di ogni anno, i dati relativi all’ubicazione, alla titolarità e ai consumi degli impianti riforniti nell’anno precedente, nonché i dati relativi alle forniture annuali di combustibile negli edifici serviti, ai fini dell’ implementazione e dell’aggiornamento del catasto degli impianti termici;
g) definire le sanzioni da porre a carico di tutti i soggetti obbligati, secondo quanto previsto nella presente legge
fonte: Regione Abruzzo
Previous articlePillole Regionali. Regione Veneto. Rottamazione apparecchi per il riscaldamento domestico
Next articlePubblicati nella Gazzetta Ufficiale n. 162 del 15 luglio 2015 i decreti del 26 giugno 2015, attuativi della Legge 90/13

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.