Home > Impianti Termici > Come gestire la presenza di amianto in condominio

Come gestire la presenza di amianto in condominio

Si può affermare con certezza che la parola amianto generi una sincera paura in chiunque la senta. Da quando, nel 1992, è stato messo al bando con la legge 257 del 27 marzo, è stato un lento prendere coscienza della sua pericolosità. Tuttavia non si può parlare di una pericolosità assoluta. È opportuno, in presenza di Manufatti Contenenti Amianto (MCA), valutare il rischio che la presenza di un dato MCA comporta. E non sempre è necessario compiere una bonifica.

Spesso il condominio viene affrontato come luogo di lavoro e nel caso dell’amianto va segnalato che c’è un corposo paragrafo del D.Lgs 81 del 09/04/2008 che ne afferma limiti e prescrizioni: dall’art 246 all’art 265.

Come si diceva, la presenza di MCA non comporta di per sé un rischio per chi abita o lavora nell’edificio. Sono pericolose le fibre di amianto presenti nell’aria e, se il materiale è in buone condizioni, è estremamente improbabile che esista un rischio apprezzabile di rilascio di fibre di amianto.

Cosa deve fare l’amministratore

È opportuno che un amministratore di condominio si lasci affiancare da un tecnico, in possesso dei requisiti di cui all’art. 4, c. a) del Decreto Ministeriale del 06/09/1994, attestati da un patentino rilasciato dalla Regione, che sia in grado di guidarlo in ogni fase del processo di analisi e messa in sicurezza.

Una fase importante per la gestione del rischio amianto è il censimento dei MCA, con relativa mappatura e comunicazione alla ASL competente, obbligo che nasce dall’art 12 della legge 257 del 27/03/1992 ed è riportato nelle varie leggi regionali. La mappatura è indispensabile anche perché l’amministratore, in teoria, dovrebbe conoscere con precisione il condominio e dovrebbe essere quindi in grado di comunicare esattamente dove si trovano gli scarichi, le canne fumarie di amianto o altri MCA. Lo stesso zelo dovrebbe essere messo da chi si appresta a fare delle manutenzioni e che intende informarsi in anticipo sul rischio che corre incontrando l’amianto nel corso dei lavori.

L’amministratore deve nominare un responsabile amianto e censire i MCA. Deve inoltre informare della presenza di MCA tutti gli interessati (inquilini, imprese…) ed attivare un Piano di Manutenzione e Controllo allo scopo di ridurre al minimo il rischio. Ovviamente deve integrare il Documento di Valutazione dei Rischi inserendo il rischio amianto e le cautele e le procedure necessarie. I MCA rinvenuti devono essere individuati con apposite etichette (art. 5 DPR 216/88).

L’amministratore di condominio deve quindi:

  • verificare che nell’immobile esistano MCA;
  • organizzare il prelievo di campioni e le relative analisi;
  • nominare un responsabile per il controllo e la manutenzione dei MCA;
  • mappare la presenza dell’amianto;
  • comunicare gli esiti del censimento all’azienda sanitaria locale competente (art.12 legge 257/1992);
  • informare tutti gli interessati (proprietari, inquilini, imprese, lavoratori…) della presenza di MCA.

continua a leggere

Fonte: Quotidiano del Condominio

Potrebbe piacerti anche
Come gestire la presenza di amianto in condominio
Amianto a Trapani, il consigliere Pecorella denuncia: “Non esiste un Piano”
Installazioni fisse antincendio, pubblicata la UNI EN 16925:2019
Regione Piemonte. Due milioni per la bonifica dell’amianto negli edifici pubblici

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.