Home > Impianti Super. 35 KW > Prova tenuta gas per Centrale Termica

Prova tenuta gas per Centrale Termica

Prova tenuta gas per Centrale Termica

Domanda

Devo eseguire una prova di tenuta e redigere un certificato di collaudo per una centrale termica di potenzialità 200 KW, quale è la procedura?

Risposta

La legislazione di riferimento per l’impianto di distribuzione gas da Lei citato è il Decreto Ministeriale del 12 aprile 1996, che all’articolo 5 comma 6 (Prova di tenuta dell’impianto interno), prescrive quanto segue:

“La prova di tenuta deve essere eseguita prima di mettere in servizio l’impianto interno e di collegarlo al punto di consegna e agli apparecchi. Se qualche parte dell’impianto non è in vista, la prova di tenuta deve precedere la copertura della tubazione. La prova dei tronchi in guaina contenenti giunzioni saldate deve essere eseguita prima del collegamento alle condotte di impianto. La prova va effettuata adottando gli accorgimenti necessari per l’esecuzione in condizioni di sicurezza e con le seguenti modalità:

a) si tappano provvisoriamente tutti i raccordi di collegamento agli apparecchi e al contatore;

b) si immette nell’impianto ARIA OD ALTRO GAS INERTE, fino a che sia raggiunta una pressione pari a:

1. impianti di 6ª specie: 1 bar;

2. impianti di 7ª specie: 0,1 bar (TUBAZIONI NON INTERRATE), 1 bar (TUBAZIONI INTERRATE);

c) dopo il tempo di attesa necessario per stabilizzare la pressione (comunque non minore di 15 min), si effettua una prima lettura della pressione, mediante un manometro ad acqua od apparecchio equivalente, di IDONEA SENSIBILITÀ MINIMA;

d) la prova deve avere la durata di:

1) 24 ore per TUBAZIONI INTERRATE di 6ª specie;

2) 4 ore per TUBAZIONI NON INTERRATE di 6ª specie;

3) 30 min per tubazioni di 7ª specie.

Al termine della prova non devono verificarsi cadute di pressione rispetto alla
lettura iniziale;

I. se si verificassero delle perdite, queste devono essere ricercate con l’ausilio di soluzione saponosa o prodotto equivalente ed eliminate; le parti difettose devono essere sostituite e le guarnizioni rifatte. È vietato riparare dette parti con mastici, ovvero cianfrinarle. Eliminate le perdite, occorre
eseguire di nuovo la prova di tenuta dell’impianto; la prova II. è considerata favorevole quando non si verifichino cadute di pressione.

Per ogni prova a pressione deve essere redatto relativo verbale di collaudo.” Quindi dipendentemente dalla pressione di esercizio e dalla tipologia delle tubazioni (interrate o non interrate), Lei deve seguire la prescrizioni sopra citate per eseguire il collaudo. In merito al VERBALE DI COLLAUDO di seguito Le riportiamo quello riportato sul sito dei Vigili del Fuoco di Belluno.

1

Potrebbe piacerti anche
Pubblicate nuove Linee Guida CIG n. 12 – Mod. A12/B12
Quesito: sostituzione caldaia da 440,00 kW, è d’obbligo la condensazione?
Quesito Tecnico. Quali sono i documenti che devo trovare in una Centrale termica?
Famiglia intossicata dal monossido di carbonio a Oleggio

1 Risposta

  1. Michele

    Salve
    Quali sono gli impianti di 7 generazione ?
    Io sapevo che dipendeva anche dal volume del impianto
    Nel mio caso ho una tubazione esterna in acciaio da 4 saldata lunga 150 mt e deve lavorare da 25 a 50 mbr Max

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.