Home Impianti Infer. 35 KW Tubazione gas in altra proprietà

Tubazione gas in altra proprietà

135
0

Tubazione gas in altra proprietà

Domanda

L’utente n. 1 insiste per far passare la tubazione gas nell’appartamento dell’utente n. 2 (essendo parenti) per evitare di far realizzare un tragitto piuttosto complicato per andare a servire gli apparecchi ubicati nella propria abitazione. L’architetto che sta curando i lavoro afferma che la cosa è fattibilissima in quanto non c’è nessuna normativa che lo vieta. Cosa ne pensate?

Risposta

Pur la normativa non esplicitandone in maniera chiara il divieto, è doveroso sottolineare alcuni passaggi citati della norma UNI 7129/08 in merito alla tipologia di installazione:

UNI 7129/08 parte 1 punto 4.5.2 “Modalità di posa delle tubazioni gas all’interno della singola unità immobiliare”
Le tubazioni all’interno dei locali di proprietà e nelle eventuali pertinenze possono essere installate:

1. a vista;
2. in canaletta;
3. sotto traccia

Le disposizioni che seguono valgono anche per le installazioni di tubazioni gas all’interno delle singole proprietà/unità immobiliari inserite in edifici multifamiliari e/o condominiali di cui al punto 4.6.

Il 3.3.5 della norma si riferisce al dispositivo di intercettazione generale (rubinetto, valvola, elettro-valvola) come, dispositivo di intercettazione che serve a chiudere un impianto interno.

Questo dispositivo d’intercettazione che costituisce il punto di inizio deve essere limitata esclusivamente all’utente interessato e la sua funzione è quella di chiudere la parte relativa all’impianto interno (ovviamente di prorpia pertinenza non altrui).

Inoltre c’è un’altra considerazione da tenere presente: la Dichiarazione di conformità del lavoro effettuato è relativa a un committente (titolare o inquilino) di un appartamento con un numero civico, cosa metteremo sulla dichiarazione?…che siamo passati con la tubazione nell’appartamento del vicino?

Inoltre la Dichiarazione di conformità non la firma l’Architetto e quindi poi tutta la responsabilità ricadrebbe sull’installatore che avrà realizzato il lavoro. Stiamo parlando di sicurezza, non capiamo perché ci si ostini a voler realizzare delle soluzioni alquanto discutibili.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.