Home Varie Normativa per impianti idrotermosanitari

Normativa per impianti idrotermosanitari

46
0

Normativa per impianti idrotermosanitari

Domanda

Quali sono le norme da utilizzare per un impanto idrotermosanitario?

Risposta

Per la progettazione, l’installazione, il collaudo e la gestione a regola d’arte di impianti idro-termo sanitari si rimanda al rispetto delle disposizioni di norma vigenti: UNI EN 806 e UNI 9182 : 2014. Ci sono quindi due norme importanti relative agli impianti per l’acqua potabile: la UNI EN 806 (“Specifiche relative agli impianti all’interno di edifici per il convogliamento di acque destinate al consumo umano – Parti 1, 2, 3”) e la UNI 9182 (“Impianti di alimentazione e distribuzione d’acqua fredda e calda. Criteri di progettazione, collaudo e gestione”).
La norma UNI EN 806 “specifica i requisiti e fornisce raccomandazioni sulla progettazione, sull’installazione, sulla modifica, sulle prove, sulla manutenzione e sul funzionamento di impianti per acqua potabile all’interno degli edifici”.

La parte 1 “Generalità” la 2 ” Progettazione” e la parte 3 ” Dimensionamento delle tubazioni – Metodo semplificato” sono state pubblicate nel 2008, mentre al parte 4 ” Installazione” nel 2010 e recentemente nel 2012 la parte 5 ” Esercizio e manutenzione”.

La norma UNI 9182 (l’ultima edizione è del 2014) specifica i criteri tecnici ed i parametri da considerare per il dimensionamento delle reti di distribuzione dell’acqua destinato al consumo umano, i criteri di dimensionamento per gli impianti di produzione, distribuzione e ricircolo dell’acqua calda, i criteri da adottare per la messa in esercizio degli impianti e gli impieghi dell’acqua non potabile e le limitazioni per il suo impiego.

La UNI 9182 contiene numerosi rimandi alle UNI EN 806 per quello che concerne la composizione dell’impianto, le pressioni e le temperature di esercizio, la distribuzione, i materiali e gli accessori.

Le parti più importanti sono quelle che riguardano la messa in funzione, la pulizia e la disinfezione, i criteri di gestione e manutenzione e il collaudo. Sono riportate anche indicazioni sull’installazione e sui criteri di posa – tipo localizzazioni e attraversamenti – delle tubazioni.

Dal punto di vista del dimensionamento, la UNI 9182 è “superiore” alla corrispondente UNI EN 806-3: infatti contiene un metodo più dettagliato per le reti dell’acqua calda e fredda (che per questa ragione, come stabilito dalla stessa norma europea, non è stato eliminato dall’edizione 2008); inoltre indica anche quando prevedere e come dimensionare le reti di ricircolo. Queste due norme vanno indicate sulla dichiarazione di conformità.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.