Home > Impianti Termici > Coronavirus: Protocollo per la diffusione del rischio da diffusione del SARS-CoV-2 nelle operazioni di gestione e manutenzione degli impianti di climatizzazione e ventilazione esistenti

Coronavirus: Protocollo per la diffusione del rischio da diffusione del SARS-CoV-2 nelle operazioni di gestione e manutenzione degli impianti di climatizzazione e ventilazione esistenti

Protocollo per la diffusione del rischio da diffusione del SARS-CoV-2 nelle operazioni di gestione e manutenzione degli impianti di climatizzazione e ventilazione esistenti

Questo documento è rivolto agli operatori del settore, al fine di dare indicazioni su come operare sull’impianti esistenti. È suddiviso in tre azioni principali con le seguenti finalità: 

  • Fornire informazioni di carattere generale, l’inquadramento della problematica, per poi passare le tipologie impiantistiche presenti negli edifici e alle loro specificità in funzione della destinazione uso in cui sono chiamati a operare.
  • Fornire indicazioni aggiuntive rispetto alle normali operazioni di ordinaria gestione e manutenzione degli impianti, al fine di tenere conto delle nuove e più stringenti condizioni di funzionamento o delle eventuali modifiche impiantistiche incorse durante questa recente fase di pandemia
  • Fornire indicazioni sulle strategie di pulizia e disinfezione di ogni sezione dell’impianto oggetto di intervento.

Il documento è basato sulle ultime evidenze scientifiche e sulle migliori prassi oggi disponibili per la riduzione del rischio di propagazione per via aerea del SARS CoV 2 Tramite un impiego corretto degli impianti di climatizzazione ambientale e di ventilazione. Le indicazioni fornite nei documenti AiCARR

Sono basate sul principio della massima sicurezza (oppure cautela), Quindi senza una distinzione a priori in base alla tipologia specifica e vetustà degli impianti o della loro qualità progettuale, installa TiVo, dei loro componenti e del livello di gestione e manutenzione.

A causa della continua evoluzione delle informazioni via via disponibili sulle caratteristiche della pandemia, i contenuti presenti saranno oggetto di aggiornamenti e integrazioni. Secondo i dati attualmente disponibili, le persone sintomatiche sono la causa più frequente di diffusione del virus. L’OMS considera non frequente l’infezione da nuovo coronavirus prima che si sviluppino sintomi.

Il periodo di incubazione varia tra 2:12 giorni; 14 giorni rappresentano Il limite massimo di precauzione. Le modalità di trasmissione del SARS-CoV-2 da persona persona sono principalmente tre:

  • Per contatto ravvicinato diretto con una persona infetta
  • Per inalazione di goccioline liquide prodotte dalla persona infetta
  • Tramite contatto con superfici contaminate dal virus.

Ai fini delle modalità di trasmissione determinante il fatto che le persone affette che tossendo, starnutendo, parlando e respirando…

Leggi per intero il Protocollo AiCARR (Luglio 2020) ufficiale dedicato al rischio da diffusione del SARS-CoV-2 nelle operazioni di gestione e manutenzione degli impianti di climatizzazione e ventilazione esistenti CLICCANDO QUI

Fonte Istituzionale: AiCARR

 

Potrebbe piacerti anche
Condizionatori: cosa cambia con il D.L. Rilancio?
CHIARIMENTI Impianto di condizionamento – Regione Veneto: Ordinanza 17 maggio 2020, n. 48
COVID 19 – LA SANIFICAZIONE DEI CONDIZIONATORI E DEGLI AMBIENTI
Sanificazione condizionatori

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.