Home Impianti Termici Modulistica Unica Edilizia: il punto Regione per Regione

Modulistica Unica Edilizia: il punto Regione per Regione

34
0

Sono 13, le regioni che si sono adeguate alla modulistica unificata per l’edilizia (e per il commercio) prevista dall’Accordo in sede di Conferenza Unificata dello scorso 4 maggio. Il processo di adeguamento, che vede i comuni ‘costretti’ al recepimento e alla pubblicazione sui propri siti internet dei moduli standard, adottati con l’accordo e adattati dalle Regioni, ove necessario, alle specifiche normative regionali, entro e non oltre il prossimo 30 giugno è monitorato dalla Funzione Pubblica d’intesa con la Conferenza delle Regioni.

L’adeguamento potrà avvenire anche tramite un collegamento alle piattaforme telematiche in uso o alla modulistica pubblicata sul sito della Regione o sul portale www.impresainungiorno.gov.it.

Vediamo, quindi, la situazione regione per regione nell’ulltimo aggiornamento del 21 giugno

Abruzzo
Predisposte modulistica edilizia e quella per il commercio/attività assimilate, che è all’ordine del giorno della prossima riunione di Giunta.

Basilicata
All’ordine del giorno della riunione di Giunta del 21 giugno scorso l’adozione della modulistica edilizia e di quella per il commercio/attività assimilate.

Calabria
Con delibera n. 239 del 13 giugno 2017, è stato preso atto dell’accordo sancito in Conferenza unificata il 4 maggio 2017. Con decreto dirigenziale del 16 giugno 2017 è stato adottato il provvedimento di adeguamento alla normativa regionale dei contenuti dei moduli unificati e standardizzati per l’edilizia e per le attività commerciali/assimilate.Entro pochi giorni tutti i moduli saranno implementati sul portale www.calabriasuap.it.

Campania
Con delibera del 19 giugno è stato preso atto dell’accordo sancito in Conferenza unificata il 4 maggio 2017 e si è dato indirizzo, ai Dipartimenti competenti, di adottare il formale provvedimento di adeguamento alla normativa regionale dei contenuti dei moduli unificati e standardizzati per l’edilizia e per le attività commerciali/assimilate. E’ già stato adottato il decreto relativo alle attività commerciali e assimilate.

Emilia-Romagna
La modulistica per l’attività edilizia e per le attività commerciali e assimilate è stata predisposta, verrà sottoposta il 26 giugno al Consiglio delle autonomie locali e formalmente adottata dalla Giunta regionale del 28 giugno. Dal 30 giugno i comuni potranno adeguarsi con un link al sito della Regione.

Friuli Venezia Giulia
Adeguate la modulistica per le attività commerciali e assimilate alle informazioni, dati e allegati previsti dalla modulistica nazionale unificata. La modulistica edilizia sarà adottata a seguito dell’adeguamento della legislazione regionale in materia (le Regioni a statuto speciale hanno competenza esclusiva in materia edilizia, nell’ambito dei rispettivi statuti). Fino all’approvazione delle nuove disposizioni si continua ad utilizzare la modulistica in vigore dal 1 gennaio 2017.

Lazio
Con determinazione n. G08525 del 19/06/2017, sono state approvate la modulistica edilizia e quella per il commercio e le attività assimilate (BUR del Lazio n.49 – 20/06/2017)

Liguria
Adottati entrambi i moduli.
http://www.regione.liguria.it/argomenti/vivere-e-lavorare-in-liguria/imprese-e-lavoro/commercio/modulistica-suap.html
http://www.regione.liguria.it/argomenti/vivere-e-lavorare-in-liguria/pianificazione-e-urbanistica/urbanistica/moduli-standardizzati-edilizia.html

Lombardia
La Regione sta predisponendo l’adeguamento alla legislazione regionale dei moduli unificati e standardizzati: sul portale istituzionale sono pubblicati i moduli unificati nazionali in materia di edilizia.

Marche
Approvata tutta la modulistica unificata con Deliberazione del 20 giugno 2017.
http://www.commercio.marche.it/AreaContatti/AreaComunicazione/ArchivioNotizie/tabid/88/ItemID/133/Default.aspx
http://www.regione.marche.it/Regione-Utile/Paesaggio-Territorio-Urbanistica-Genio-Civile/Urbanistica#In-primo-piano

Molise
Predisposta la delibera per l’adozione della nuova modulistica per le attività commerciali e assimilate e per quelle edili. Verrà approvata nella prossima riunione della Giunta regionale.

Piemonte
Approvata tutta la modulistica unificata con Deliberazioni della Giunta Regionale del 19 giugno 2017, n. 20-5198 e n. 29-5207
http://www.regione.piemonte.it/commercio/index.htm
http://www.regione.piemonte.it/artigianato/
http://www.mude.piemonte.it/site/documenti-e-guide-per-i-comuni

Puglia
La modulistica unificata per le attività commerciali/assimilate è stata adottata con Determinazione dirigenziale n. 91 del 9 giugno 2017 (pubblicata sul BUR della Puglia n.68 del 15/06/2017). La modulistica edilizia è stata predisposta ed è di prossima adozione.

Sardegna
La modulistica unificata per le attività commerciali e assimilate è stata già inserita sul sito. Per la modulistica edilizia è stato effettuato un primo adeguamento, sulla base delle specificità regionali, che sarà completato con il disegno di legge regionale in itinere, poiché le regioni a statuto speciale hanno competenza esclusiva in materia di edilizia)

Sicilia
La Giunta regionale, con Delibera n. 237 del 14 giugno, ha adottato la modulistica standardizzata in materia di edilizia e di attività commerciali/assimilate.

Toscana
Approvata tutta la modulistica unificata con Deliberazioni della Giunta Regionale n. 646 del 19.06.17.

Umbria
Approvata tutta la modulistica unificata con Deliberazioni della Giunta Regionale n.700 del 20 giugno (pubblicazione sul BUR dell’Umbria del prossimo 28 giugno)

Valle d’Aosta
Adottati entrambi i moduli.

Veneto
Predisposta la delibera per l’adozione della nuova modulistica per le attività commerciali e assimilate che verrà approvata nella prossima riunione di giunta. La modulistica sarà operativa al 30 giugno sul portale www.impresainungiorno.gov.it.

Provincia autonoma di Trento
E’ in corso l’adeguamento della normativa provinciale ai decreti legislativi nn. 126, 127 e 222 del 2016; il disegno di legge è stato adottato in Giunta ed è all’esame delle commissioni. Al termine dell’iter di approvazione sarà modificata la modulistica attualmente in uso.
Accordo del 4 giugno e moduli standard: la disciplina originaria
L’Accordo-documento del 4 maggio 2017 tra Governo, regioni ed enti locali sui moduli standardizzati da utilizzare sia per i diversi interventi di edilizia privata, sia per le varie richieste relative alle attività economiche e commerciali, sempre promosse dai privati, cittadini o imprese, è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.128 del 5 giugno.

Come già approfondito su Ingenio, sono tante le novità e le istruzioni per l’uso per quanto riguarda i moduli edilizi, la seconda parte del documento-accordo (la modulistica di riferimento è contenuta nell’Allegato 2 al decreto).

I moduli unificati e semplificati: quali e quanti
•    A. CILA;
•    B. SCIA e SCIA alternativa al permesso di costruire (nelle regioni che hanno disciplinato entrambi i titoli abilitativi i due moduli possono essere unificati);
•    C. Comunicazione di inizio lavori (CIL) per opere dirette a soddisfare obiettive esigenze contingenti e temporanee;
•    D. Soggetti coinvolti (allegato comune ai moduli CILA, SCIA e CIL);
•    E. Comunicazione di fine lavori;
•    F. SCIA per l’agibilità.

Con successivi accordi o, per le materie di competenza statale, con decreto del Ministro competente di concerto con il Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione verranno adottati i moduli per le altre attività/procedimenti indicati nella Tabella A allegata al d.lgs. 222/2016 (cd. SCIA 2). Inoltre, i moduli già adottati potranno essere, ove necessario, aggiornati.

MODULISTICA ATTIVITA’ EDILIZIA: IL VADEMECUM DEDICATO

Il modulo della SCIA
Il modulo della SCIA (compresa la SCIA alternativa al permesso di costruire) è organizzato in due sezioni: la prima è dedicata ai dati, alla segnalazione e alla dichiarazione del titolare (proprietario, affittuario etc.); la seconda parte è riservata alla relazione di asseverazione del tecnico: un percorso guidato indica tutte le possibili opzioni connesse alla realizzazione del progetto quando, contestualmente alla SCIA, è necessario presentare altre segnalazioni o comunicazioni (SCIA unica) o richiedere l’ acquisizione degli atti di assenso (SCIA condizionata).

Infine è presente una lista di controllo: il quadro riepilogativo della documentazione, che può essere essere generato “in automatico” dal sistema informativo, consente di verificare la presenza degli allegati necessari. Questa modulistica, implementata su sistema informativo, consentirà a tecnici e cittadini di selezionare e compilare solo le opzioni di proprio interesse, creando un percorso telematico guidato e personalizzato.

I moduli della CILA e dell’Agibilità

I modulo della CILA e quello dell’agibilità sono più snelli e raccolgono in un unico documento le dichiarazioni del titolare, l’asseverazione del tecnico e la lista di controllo (quadro riepilogativo). Se, contestualmente alla CILA, sono necessarie altre comunicazioni, segnalazioni o autorizzazioni, i tecnici potranno compilare gli apposito campi (utilizzando le informazioni contenute nella relazione della SCIA e nella relativa lista di controllo).

Gli altri moduli
Completano il quadro il modello della comunicazione di fine lavori e quello per l’inizio lavori per le opere dirette a soddisfare obiettive esigenze contingenti e temporanee, che vanno rimosse entro 90 giorni.

L’allegato soggetti coinvolti

E’ comune a CILA, SCIA e CIL per i “soggetti coinvolti” e cioè gli altri eventuali titolari (ad es. i comproprietari), il tecnico incaricato e il direttore dei lavori ove previsti.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.