Home Impianti Termici Uccisa dal monossido: assolti caldaista e installatori dell’impianto

Uccisa dal monossido: assolti caldaista e installatori dell’impianto

210
0

Maura Rossi morì nella sua casa di Botticino nel novembre di cinque anni fa. Nessuna negligenza. Non da parte di chi, quella caldaia, la installò e controllò

Nessuna negligenza. Non da parte di chi, quella caldaia, la installò e controllò. All’origine della tragedia, un intreccio di concause – in primis l’otturazione del foro di ventilazione e la sporcizia sedimentata nello scambiatore di calore – che scagionarono quella che i tecnici definiscono «combustione povera» e imperfetta: niente anidride carbonica, solo monossido di carbonio. Quello che l’11 novembre di cinque anni fa, nel 2012, uccise Maura Rossi, impiegata di 42 anni, nell’appartamento di Botticino in cui viveva.

A processo, per omicidio colposo, sono finiti i due titolari dell’azienda installatrice della caldaia – posizionata nel lontano 1995 – oltre al tecnico che quattro anni prima (era il 21 luglio 2008) mise a verbale l’ultimo controllo sull’impianto dando il via libera. A chiusura del dibattimento il giudice Riccardo Moreschi ha assolto gli imputati «perché il fatto non sussiste»

Continua a leggere 

Fonte: Corriere della Sera

Previous articleSistemi “Linee Vita” la progettazione di idonee misure di sicurezza come deterrente alle cadute dall’alto
Next articleToscana. Un milione di euro per adeguamenti antincendio in 26 scuole

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.