Home > IMPIANTI GPL > Divieto uso di canapa per giunzioni tubazioni impianti GPL

Divieto uso di canapa per giunzioni tubazioni impianti GPL

Divieto uso di canapa per giunzioni tubazioni impianti GPL

Domanda

La norma UNI 7129 afferma che “è’ vietato l’uso di fibre di canapa su filettature di tubazioni convoglianti GPL o miscele GPL-aria, anche se impregnate del composto di tenuta. Vorrei sapere per quale motivo non è possibile utilizzare la canapa

Risposta

Il GPL è in origine inodore, ma viene odorizzato in modo da poter avvertire eventuali perdite anche senza strumentazione. Il GPL allo stato gassoso ha una densità superiore a quella dell’aria e ciò gli impedisce di diffondersi nell’atmosfera; in caso di fuoriuscite accidentali tende quindi a concentrarsi ristagnando al suolo e nelle cavità, causando situazioni molto pericolose, a rischio di incendio.

Nella distribuzione di gas naturale, o di un gas miscelato ad aria, ed in certi casi anche di miscele di gas riformato, si richiede che il gas sia odorizzato, affinché le fughe non siano pericolose, per avvelenamento, se contengono CO, o per possibilità d’esplosione negli altri casi.

Occorre che la presenza del gas sia avvertita, in caso di fuga, prima che l’ambiente diventi pericoloso per la concentrazione di gas. Un buon odorizzante deve avere un odore sgradevole e penetrante, diverso dalla benzina, non deve variare la qualità dell’odore con le diverse concentrazioni, deve essere sufficiente una piccola quantità (35÷40 g. per 1000 m3 di gas) per raggiungere l’effetto, non deve reagire con i metalli delle tubazioni.

Si impiegano generalmente mercaptani, tetraidrotiofene (T.H.T.) od altri prodotti sempre contenenti zolfo e si immettono nel gas a mezzo di apparecchi saturatori a lambimento, percorsi da una frazione della corrente gassosa, oppure, per gli impianti di maggiore mole, si usano apparecchi automatici proporzionatori, basati su principi diversi.

Occorre tenere presente che gli odorizzanti, per il loro contenuto di zolfo, mentre non danneggiano i normali fenomeni della combustione, avvelenano i catalizzatori dei processi chimici, e debbono previamente essere eliminati. Comunque qualcuno dice che la canapa non bisogna utilizzarla in quanto il GPL tende a “reagire” con la canapa facendole perdere tenuta. Noi riteniamo che sia l’odorizzante che provoca il deterioramento della canapa.

Comunque già nella vecchia norma UNI – CIG 7131/72 al punto 2.2.3 veniva riportato:

“La tenuta dei filetti deve essere assicurata mediante nastro di politetrafluoruro di etilene (Teflon) o da altri materiali equivalenti, specificatamente dichiarati idonei dal fabbricante per gas di petrolio liquefatto, con l’ esclusione di biacca, minio, canapa o altri materiali simili”.

Attualmente i Materiali di tenuta per giunzioni metalliche filettate a contatto con gas della 1a, 2a e 3a famiglia e con acqua devono essere conformi alla norma UNI EN 751/1, 751/2 e 751/3.

 

Potrebbe piacerti anche
Generatori a biomassa legnosa, restrizioni in Emilia-Romagna dal 1° ottobre 2018
Apparecchi a GPL in locali comunicanti con locale taverna sottostante
Impianti a gas per uso domestico e similare – Pubblicata la UNI/TS 11693:2017
Impianti di adduzione gas, cosa è vietato

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.