Home > Impianti Termici > Chi deve redigere la denuncia INAIL (ex ISPESL), l’installatore o il professionista?

Chi deve redigere la denuncia INAIL (ex ISPESL), l’installatore o il professionista?

L’obbligo della verifica INAIL (EX ISPESL) si applica (con riferimento al D.M. del 1 dicembre 1975 articolo 18 e 19) agli impianti centralizzati di riscaldamento utilizzanti acqua calda sotto pressione con temperatura non superiore a 110°C e potenza massima complessiva al focolare maggiore di 35 kW.

La denuncia di un impianto di riscaldamento, di cui all’art.18 del d.m. 1.12.1975, deve essere effettuata secondo le modalità indicate nella raccolta R2009 al punto R.4.A (specificazioni tecniche applicative del titolo II del d.m. 1.12.1975). Previa compilazione degli appositi moduli, verrà eseguita dal tecnico incaricato la verifica dei dati tecnici fondamentali richiesti:

• esame del progetto e verifica di nuovi impianti di riscaldamento utilizzanti acqua calda sotto pressione con temperatura non superiore a 110°C e potenza massima complessiva dei focolari (o portata termica massima complessiva dei focolari) superiore a 35 kW;
• esame del progetto e verifica di impianti sottoposti a modifiche importanti quali i dispositivi di sicurezza e protezione del generatore, la sostituzione o la modifica del generatore con aumento della potenzialità o variazione della precedente pressione di targa oppure l’installazione o modifica di circuiti con nuovi vasi di espansione.

E’ necessario presentare denuncia all’associazione per il controllo della combustione (INAIL) ogni qual volta s’intenda effettuare:

  • l’installazione di un generatore di calore,
  • apportare modifiche ai dispositivi di sicurezza e di protezione
    dei generatori,
  • procedere alla sostituzione o modifiche dei generatori comportante un aumento della potenzialità nominale o una variazione della pressione di targa rispetto a
    quella dei generatori di calore esistente.

Le denunce devono essere fatte dall’installatore mediante apposita modulistica e inviate all’INAIL prima dell’installazione e/o modifica
dell’impianto. L’installatore deve presentare, unitamente alla denuncia, il progetto firmato da un ingegnere o altro tecnico abilitato con indicazione dello schema funzionale dell’impianto e dei dispositivi di sicurezza opportunamente dimensionati.

Va da se che se l’installatore dovesse avere difficoltà nel presentare la denuncia INAIL, può avvalersi dell’aiuto di un professionista che lo assista nella presentazione della documentazione.

Potrebbe piacerti anche
Chi deve redigere la denuncia INAIL (ex ISPESL), l’installatore o il professionista?
Regione Liguria: competenza in capo alla Regione per il rilascio dell’abilitazione di primo e secondo grado relativa al controllo e alla conduzione d’impianti termici
Impianti termici: nuovo regolamento in Emilia Romagna
Bolzano: impianti termici, nuovi limiti per le emissioni

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.