Home > Impianti Termici > Amianto nel palazzo: quando è il condominio a pagare per i danni

Amianto nel palazzo: quando è il condominio a pagare per i danni

L’amianto è formato da un insieme di minerali cancerogeni e la produzione, la lavorazione e la vendita di materiali in amianto sono fuori legge in Italia dal 1992. Anche in condominio può capitare di essere esposti all’amianto. Tuttavia, individuare la presenza di amianto in condominio non è semplice poiché è opportuno eseguire un’accurata ispezione e una valutazione del rischio tramite un tecnico abilitato come da legge 27 marzo 1992, n. 2579.

L’accertamento può essere eseguito in base all’aspetto del materiale oppure può essere affidato a un laboratorio autorizzato, tramite le opportune analisi su un campione del manufatto che si sospetta essere composto di amianto.

Se dalla valutazione dovesse emergere l’obbligo di intervenire, trattandosi di una situazione di grave emergenza, l’amministratore può richiedere la bonifica in modo autonomo e poi presentare la decisione all’assemblea condominiale…

Continua a leggere

Fonte: Corriere della Sera

Potrebbe piacerti anche
Stop allo smaltimento di amianto in discarica in Puglia: la Regione cerca aree per impianti specializzati
Come gestire la presenza di amianto in condominio
Amianto a Trapani, il consigliere Pecorella denuncia: “Non esiste un Piano”
Regione Piemonte. Due milioni per la bonifica dell’amianto negli edifici pubblici

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.