Home Impianti Termici Dispositivi ISPESL – sostituzione componen

Dispositivi ISPESL – sostituzione componen

78
0

Risposta a cura di APRIE (osservatorio energia provincia di Trento)

I dispositivi di protezione e sicurezza ISPESL (ora INAIL) devono rispondere alla direttiva 97/23/CE in materia di attrezzature a pressione (denominata anche PED). Sono quindi componenti classificati e provvisti di marchio CE. Inoltre possiedono un certificato del fabbricante che riporta le caratteristiche tecniche desunte dalle prove eseguite in sede di certificazione. Ogni esemplare a cui si riferisce il certificato del fabbricante, prodotto nel periodo di validità della certificazione PED, risulta certificato a tempo indefinito ed è privo quindi di scadenza.

Tuttavia, il D.lgs 9 aprile 2008, n. 81 – Testo unico sulla salute e sicurezza sul lavoro – al Titolo III , art. 71 comma 11 recita:

“Oltre a quanto previsto dal comma 8, il datore di lavoro sottopone le attrezzature di lavoro riportate nell’allegato VII a verifiche periodiche volte a valutare l’effettivo stato di conservazione e di efficienza ai fini di sicurezza, con la frequenza indicata nel medesimo Allegato.”

Per generatori di calore con potenza termica nominale > 116 kW  tale verifica ha periodicità quinquennale. Non è prevista invece per potenze non superiori a 116kW.

Pertanto il responsabile dell’impianto (quando quest’ultimo ha potenzialità superiore a 116kW) deve sottoporre i dispositivi di sicurezza a verifiche quinquennali per valutare la loro funzionalità. Anche il tecnico incaricato dall’INAIL può a discrezione eseguire una prova pratica sull’impianto, per verificare la funzionalità dei dispositivi, come previsto dalla Raccolta R2009 – Fascicolo R.4 al punto 2.1 (ultimo capoverso) che recita:

“Resta comunque in facoltà del tecnico incaricato di effettuare una prova pratica sull’impianto per verificare la funzionalità dei dispositivi di protezione e sicurezza.”

In conclusione, anche se non imposto da alcuna normativa, quando si sostituisce il generatore termico dell’impianto, è buona norma procedere sempre con la sostituzione dei dispositivi di protezione e sicurezza ISPESL, poiché quest’ultimi potrebbero non soddisfare le verifiche di funzionalità o essere ritenuti non idonei dai tecnici INAIL in sede di ispezione.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.