Home Quesiti Termici Conduzione impianto termico albergo

Conduzione impianto termico albergo

51
0

FragenDomanda

Sono proprietario di un edificio servito da un impianto termico di 250kW. Chi deve gestire l’impianto? Chi deve effettuare la manutenzione?

Risposta

Il D.Lgs 3 aprile 2006, n. 152 “Norme in materia ambientale” (Codice ambientale), pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 88 del 14 aprile 2006Supplemento Ordinario n. 96 ed entrato in vigore in via generale il 29/04/06, introduce importanti novità in materia di conduzione degli impianti termici.

L’art. 287 del predetto decreto al comma 1 richiede infatti che il personale addetto alla conduzione degli impianti termici civili di potenza termica nominale superiore a 0,232 MW (232kW) debba essere munito di un patentino di abilitazione rilasciato dall’Ispettorato provinciale del lavoro, al termine di un corso per conduzione di impianti termici, previo superamento dell’esame finale.

Inoltre l’art. 287 al comma 2 ribadisce che resta fermo quanto previsto dall’articolo 11, comma 3, del decreto del Presidente della Repubblica 26 agosto 1993, n. 412 il quale prevede che nel caso di impianti termici centralizzati con potenza nominale superiore a 350 kW ed in ogni caso qualora gli impianti termici siano destinati esclusivamente ad edifici di proprietà pubblica od esclusivamente ad edifici adibiti ad uso pubblico, il possesso dei requisiti richiesti al “terzo responsabile dell’esercizio e della manutenzione dell’impianto termico” è dimostrato mediante l’iscrizione ad albi nazionali tenuti dalla pubblica amministrazione e pertinenti per categoria quali, ad esempio, l’albo nazionale dei costruttori – categoria gestione e manutenzione degli impianti termici di ventilazione e di condizionamento, oppure mediante l’iscrizione ad elenchi equivalenti delle Comunità Europee, oppure mediante accreditamento del soggetto ai sensi delle norme UNI EN 29.000.

Pertanto la conduzione dell’impianto termico di un edificio civile (albergo, condominio, scuole, o altro) di potenzialità superiore a 232kW va affidata a personale qualificato munito di patentino di abilitazione. La manutenzione dell’impianto è affidata al responsabile dell’esercizio e della manutenzione, in base all’art. 11, commi 2 e 8, d.P.R. 26 agosto 1993, n. 412. (cfr. FAQ n. 1). È possibile qualora il proprietario non possegga esso stesso i requisiti richiesti, di affidare la manutenzione dell’impianto a persona fisica o giuridica che risponda ai requisiti di cui all’art. 1 lettera o) d.P.R. 26 agosto 1993, n. 412 , abilitati alla manutenzione degli impianti termici;

 

Fonte: Agenzia Provinciale per le risorse idriche e l’energia della Provincia di Trento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.