Home Impianti Termici Norma UNI 11522:2014. Rivelatori di gas combustibili e monossido di carbonio...

Norma UNI 11522:2014. Rivelatori di gas combustibili e monossido di carbonio per ambienti domestici e similari – Installazione e manutenzione

151
0

La nuova normativa tecnica UNI 11522 detta i criteri per l’installazione e la manutenzione dei rilevatori di gas combustibili
e monossido di carbonio, aggiungendo un ulteriore punto al fornito ventaglio di documenti normativi dedicati alla sicurezza domestica. Non si tratta di dispositivi alternativi alla corretta installazione e al buono stato degli apparecchi a gas, ma costituiscono una garanzia aggiuntiva.

Questi strumenti devono essere installati nei locali in cui è probabile la presenza del gas da rivelare, per esempio in cucina per la presenza di apparecchi di cottura, di riscaldamento e di produzione di acqua calda sanitaria o in locali con impianti particolarmente complessi.

I rivelatori presi in esame dalla UNI 11522 sono quelli della prima, seconda e terza famiglia, così come classificati nella UNI EN 437 “Gas di prova. Pressioni di prova. Categorie di apparecchi”. Secondo la UNI 11522 la giusta installazione di questi dispositivi,
dovrà essere sempre effettuata da personale in possesso dei requisiti previsti dalla legislazione vigente, verificando sempre la funzionalità del rilevatore.

Un gas combustibile in ambiente domestico è il monossido di carbonio. Per le sue caratteristiche rappresenta un inquinante molto insidioso, soprattutto nei luoghi chiusi dove si può accumulare in concentrazioni letali. Tali situazioni sono purtroppo frequenti e innumerevoli sono i casi di avvelenamento e gli incidenti anche mortali imputabili alle stufe o agli scaldabagni difettosi o non controllati. Essendo il CO incolore, insapore, inodore e non irritante, può causare morti accidentali senza che le vittime si rendano conto di quel che sta loro succedendo.

Una volta respirato, il CO si lega all’emoglobina con una affinità che è 220 volte superiore a quella dell’ossigeno. E’ difficile dare la posizione assoluta di un rilevatore che sia adatta a tutti i tipi di locale e a tutti i loro usi, perciò sono d’obbligo attente valutazioni sulla conformazione del locale d’installazione. E’ opportuno installare rilevatori aggiuntivi ai rilevatori di CO su ogni livello e/o in ogni camera da letto. Per i rilevatori di CO ubicati in locali in cui si trovano gli apparecchi a combustione il posizionamento deve prevedere determinate prescrizioni, come quella di 300mm da qualsiasi parete se l’apparecchio è localizzato sul soffitto.

I rilevatori di CO posti nelle camere concentrazioni letali. Tali situazioni sono purtroppo frequenti e innumerevoli sono i casi di avvelenamento e gli incidenti anche mortali imputabili alle stufe o agli scaldabagni difettosi o non controllati. Essendo il CO incolore, insapore, inodore e non irritante, può causare morti accidentali senza che le vittime si rendano conto di quel che sta loro succedendo. Una volta respirato, il CO si lega all’emoglobina con una affinità che è 220 volte superiore a quella dell’ossigeno.

E’ difficile dare la posizione assoluta di un rilevatore che sia adatta a tutti i tipi di locale e a tutti i loro usi, perciò sono d’obbligo
attente valutazioni sulla conformazione del locale d’installazione.

E’ opportuno installare rilevatori aggiuntivi ai rilevatori di CO su ogni livello e/o in ogni camera da letto. Per i rilevatori di CO ubicati in locali in cui si trovano gli apparecchi a combustione il posizionamento deve prevedere determinate prescrizioni, come quella di 300mm da qualsiasi parete se l’apparecchio è localizzato sul soffitto. I rilevatori di CO posti nelle camere da letto devono essere invece posti intorno alla zona di respirazione degli occupanti. Possono essere dotati, i rilevatori di gas combustibile e di CO di un segnale di uscita per l’attivazione di dispositivi ausiliari.

 

a cura della Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.