Home > Impianti Termici > DICHIARAZIONE DI CONFORMITA’ SMARRITA

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA’ SMARRITA

Domanda: Un mio cliente ha smarrito la dichiarazione di conformità e la ditta che ha installato la caldaia nel 2012 è chiusa.

Abbiamo provveduto a verificare l’impianto e abbiamo rilasciato una dichiarazione di conformità nella quale si evidenziava che abbiamo verificato il tutto e che và tutto bene. Poco tempo dopo il mio cliente ha avuto l’ispezione del verificatore, il quale ha contestato la mancanza della dichiarazione di conformità dell’installazione della caldaia .

Come dobbiamo comportarci, cosa dobbiamo fare ancora?

Risposta:

Solitamente, dopo la visita, l’ispettore in caso di non conformità rilascia un verbale sul quale scrive esattamente quale sono le anomalie e cosa richiede per tornare ad essere a norma.

Ciò che vorrei sapere è che quale conformità ha rilasciato lei sulla quale si evidenzia che va tutto bene…ma che tipo di intervento ha compiuto?

Dico questo perchè l’art. 7 comma 3 del dm 37 2008 afferma che:

“In caso di rifacimento parziale di impianti, il progetto, la dichiarazione di conformità e l’attestazione di collaudo ove previsto, si riferiscono alla sola parte degli impianti oggetto dell’opera di rifacimento, ma tengono conto della sicurezza e funzionalità dell’intero impianto. Nella dichiarazione di cui al comma 1 e nel progetto di cui all’articolo 5, è espressamente indicata la compatibilità tecnica con le condizioni preesistenti dell’impianto.”

Quindi se lei ha rilasciato una dichiarazione di conformità, non riesco a capire cos’altro può volere l’ispettore….sarebbe utile poter leggere l’eventuale verbale.


 

Potrebbe piacerti anche
DICHIARAZIONE DI CONFORMITA’ SMARRITA
Dichiarazione abusiva di conformità degli impianti. Ecco le conseguenze
Dichiarazione di conformità per opere parziali
Newsletter del 5 Ottobre 2015

Leave a Reply

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.