Home > Impianti Termici > Pillole Regionali. Regione Sicilia. Regolamento per gli impianti termoidraulici a Catania

Pillole Regionali. Regione Sicilia. Regolamento per gli impianti termoidraulici a Catania

Regolamento per gli impianti termoidraulici a Catania. Per Tranchina (CNA) “un risultato atteso da 26 anni”

Dopo Acireale, Catania è il secondo dei quattro Comuni sopra i 40mila abitanti all’interno della città metropolitana a dotarsi di un regolamento per l’ispezione degli impianti termoidraulici, ovvero le caldaie per la produzione di acqua calda e riscaldamento. Un risultato importante, raggiunto però “dopo 26 anni di attese e continue richieste di adeguamento ai Comuni“, afferma Francesco Tranchina, portavoce dei Temroidraulici all’interno della Confederazione nazionale dell’artigianato di Catania. E secondo Tranchina è proprio grazie all’impegno della CNA di Upla Claai e Confaritigianato se “dopo tutti questi anni finalmente i Comuni hanno smesso di fare orecchie da mercante e hanno attuato la legge, che per i Comuni sopra i 40mila abitanti impone loro l’onere della verifica. Per far sbloccare la situazione – prosegue il rappresentante dei Termodidraulici -, abbiamo dovuto anche minacciare di fare ricorso al Tar. Adesso all’appello mancano Paternò e Misterbianco, mentre gli altri comuni dovranno rivolgersi alla Città metropolitana“… continua a leggere

Fonte: hashtag sicilia

Potrebbe piacerti anche
Pillole Regionali. Regione Sicilia. Regolamento per gli impianti termoidraulici a Catania
Pillole Regionali. Regione Sicilia: “Costruisce canna fumaria abusiva”, scatta l’ordine di demolizione
Newsletter del 28 Settembre 2015
Pillole Regionali. Regione Sicilia. Impianti termici in Sicilia. Il 7 aprile 2015 scadono i termini per la registrazione al Catasto regionale CITE

Leave a Reply