Home > Impianti Termici > Regione Toscana: Controlli sugli impianti termici

Regione Toscana: Controlli sugli impianti termici

Controlli sugli impianti termici (Ultima modifica: 16/03/2017)

Dal 1° gennaio 2017, a seguito della lr 85/2016, la Regione Toscana riassume le competenze degli enti locali in materia di controlli di efficienza energetica degli impianti termici e cambiano alcune modalità di tali controlli. Vedi di seguito.

Gli “impianti termici” sono gli impianti per il riscaldamento (come le caldaie) o il condizionamento (i condizionatori fissi) dei nostri immobili:approfondisci >>

Forniscono servizi essenziali alle nostre case ma, se non curati, possono diventare non efficienti, inquinanti, o addirittura in alcuni casi pericolosi.

Sono quindi necessari controlli periodici da parte di manutentori qualificati

Ogni quanto il responsabile di impianto deve far controllare dai manutentori il proprio impianto termico?
Innanzitutto dipende dal tipo di controllo. Le norme distinguono:
a) i controlli periodici e le eventuali manutenzioni ai fini della sicurezza;
b) i controlli di rendimento energetico.

Per i controlli di cui alla let. a) bisogna fare riferimento alle istruzioni d’uso e manutenzione che l’installatore deve fornire al proprio committente: sia come periodicità che come elementi da controllare differiscono da impianto ad impianto: approfondisci >>

I controlli “di rendimento energetico”

1. Sono obbligatori per gli impianti di climatizzazione invernale (riscaldamento) di potenza termica utile nominale a partire da 10 kW e per gli impianti di climatizzazione estiva (condizionamento) di potenza termica utile nominale a partire da 12 kW.

Continua a leggere

Fonte: Regione Toscana

Potrebbe piacerti anche
Rapporto CRESME sul mercato impiantistico
Dosatore polifosfati, quando è obbligatorio.
Trentino: aggiornate le regole sulla certificazione energetica degli edifici
Libretto di impianto termico ed elettrico e fascicolo di fabbricato, ormai necessari

Leave a Reply