Home > Impianti Termici > Roma, seminario sull’uso della termografia presso l’Istituto Superiore Antincendi

Roma, seminario sull’uso della termografia presso l’Istituto Superiore Antincendi

Il 24 gennaio, si è svolto all’Istituto Superiore Antincendi un seminario sull’uso della termografia all’infrarosso nelle verifiche di sicurezza degli edifici. Il seminario, organizzato dalla Direzione Centrale per l’Emergenza ed il Soccorso Tecnico, ha trattato il tema di particolare attualità dell’uso dei sensori ad infrarosso nelle verifiche che i Vigili del fuoco sono chiamati a svolgere sia nelle grandi calamità che nel emergenze quotidiane, quando la sicurezza statica degli edifici deve essere valutata rapidamente ed in assenza di dati strumentali.

Il particolare interesse verso questo approccio risiede nel fatto che, una volta definiti i limiti e le procedure operative, potrebbe permettere di utilizzare una metodologia non distruttiva per verifiche di stabilità, che interessato anche il patrimonio edilizio e quello dei beni culturali.

Il seminario è stato aperto dal Direttore dell’Istituto, Ing. Stefano Marsella che, in sostituzione dell’Ing. Giuseppe Romano, impegnato nelle operazioni di soccorso nel sito di Rigopiano, ha rappresentato come l’iniziativa si inquadri in un impegno che i Vigili del Fuoco mantengono da anni nella ricerca di tecnologie innovative per supportare il personale impegnato nelle attività di soccorso tecnico urgente.

Nella parte iniziale dell’incontro sono stati illustrati alcuni esempi di strumentazione e di metodologia di acquisizione dei dati da parte dell’Ing. Michele Mazzaro del Nucleo Investigativo Antincendi dei Vigili del fuoco. In particolare, in un intervento svolto con l’Arch. Velentina Albano della Soc. Leica, l’Ing. Mazzaro ha illustrato anche la tipologia dei dati di output e le relative tecniche di elaborazione dei dati provenienti dai laser-scanner in uso presso il N.I.A.. L’intervento scaturisce da un accordo di collaborazione tra N.I.A. e Leica, finalizzato a sviluppare ulteriormente le capacità di investigazione e repertazione nelle indagini di Polizia Giudiziaria.

I contributi di natura tecnico-scientifica sono stati portati dal Prof. Filippo Catani, dell’Università degli Studi di FirenzeDipartimento Scienze della Terra, dal Dott. William Frodella e dal Dott. Stefano Morelli, che hanno illustrato i presupposti teorici dei rilievi termografici e la loro applicazione in casi di studio eterogenei, che vanno dalla stabilità dei pendii alla sicurezza degli edifici scolastici, fino al caso della Costa Concordia. Nel corso di tali interventi è emersa l’ormai ampio spettro di rilievi che possono essere svolti per acquisire dati fondamentali per la valutazione delle condizioni di sicurezza di edifici o di siti di ampie dimensioni. Tali tecniche, però, al momento non consentono valutazioni speditive.

Nelle conclusioni del seminario è emersa l’importanza di questo approccio tecnologico alle verifiche di stabilità e la conseguente necessità di approfondirne le effettive capacità per consentire una diagnostica degli edifici moderni e di quelli storici affidabile anche in condizioni di emergenza.

Fonte: Vigili del Fuoco

 

Potrebbe piacerti anche
Alberghi: presentazione SCIA dopo il 1 dicembre 2018
Nuova circolare dei Vigili del fuoco su attività formative e impiego estintori portatili
Adeguamento antincendio scuole e asili nido
Roma, seminario sull’uso della termografia presso l’Istituto Superiore Antincendi

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Visita lo shop Ignora

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.